Le grandi menti pensano in modo simile Vol. 2 – un adattamento e un remake

"Il nemico è all'interno. Garnett è infatti il suo peggior nemico. E ciò è il fulcro del film." - La via del nemico di Rachid Bouchareb

Rachid Bouchareb ha deciso di fare un remake, La via del nemico (il quale fa parte del catalogo Men on the edge, disponibile dal 22 Aprile), traendo ispirazione dall'originale Due contro la città (Deux hommes dans la ville, 1973) dello scrittore/regista José Giovanni, con protagonisti Alain Delon, Jean Gabin, Mimsy Farmer e nientemeno che Gérard Depardieu. Utilizzando un alias al posto del suo vero nome: Joseph Damiani, regista della versione originale del 1973, il quale è egli stesso un ex criminale, avendo passato 11 anni e mezzo in prigione prima di diventare uno scrittore e filmmaker una volta rilasciato. L'ultimo adattamento di uno dei suoi libri è il film di Alain Corneau del 2007, Le Deuxième Souffle, con protagonisti Daniel Auteuil e Monica Bellucci.
Fedele all'originale trama che narra di un criminale, rilasciato dal carcere e che tenta di ottenere un'altra possibilità nella vita tenendosi fuori dai guai, ma che è inevitabilmente perseguitato dai crimini commessi, Bouchareb si concentra sul conflitto interiore – il nemico interno – del protagonista, William Garnett (Forest Whitaker). In questo modo, si distanzia dal target di Giovanni: una forte critica al sistema giudiziario. "Se Due contro la città (1973) è riuscito a funzionare come fonte d'ispirazione, La via del nemico del 2014 è lontano dall'essere un semplice e fedele remake. [...] in questo senso il titolo del film (in origine La Voie de l'Ennemi e letteralmente tradotto come La via del nemico) è simbolico. Il nemico è dentro. Garnett è infatti il suo peggior nemico. E ciò è il fulcro del film."

Guarda il trailer del film che ha ispirato Bouchareb ad aggiungere la sua personale impronta alla storia:  

Due contro la città (1973), diretto e scritto da Josè Giovanni. La storia originale con uno straordinario cast francese  

Two Men in Town (2014)  – Rachid Bouchareb

"Lauri Maijala mostra ai fan dei film Una notte da leoni come si fa alla maniera finlandese, con il suo Gloriously Wasted" – Irina Krohn(Finnish film foundation) su Gloriously Wasted di Lauri Maijala

Gloriously Wasted (Juoppohullun päiväkirja) è il film di debutto del regista finlandese Lauri Maijala, basato sulla prima parte di una serie di libri sul conto del personaggio Juha Berg, un ubriacone trentenne(ben descritto dal titolo inglese alternativo, Diario di un ubriacone). Dato il suo background nello scrivere dirigere opere, Maijala ha scelto una fonte letteraria popolare per la sua prima pellicola e, oltre a dirigerla, è riuscito a scriverne il copione egli stesso.
Quello che iniziò nel 1998 come un blog del noto giornalista e presentatore radio e tv Juha Vuorinen, la fonte eponima di questo personaggio ubriacone Juha Berg, ha portato alla fondazione della sua casa editrice Diktaattori Oy, attraverso la quale distribuisce le sue collane di libri. Inoltre ha assunto anche il ruolo di produttore per l'adattamento del suo modello letterario.
Il film "mostra ai fans dei film Una notte da leoni come si fa alla maniera finlandese", come affermato da Irina Krohn, direttore del Finnish Film Foundation. Con la trilogia di Una notte da leoni (1,2 e 3) diretti dal regista americano Todd Phillips e che ruotano intorno al giorno dopo una grande sbronza, "la maniera finlandese" potrebbe chiamare per una ancor più ampia serie di film, dato che la collana di libri è cresciuta fino a un totale di cinque fino ad ora, con i titoli finlandesi 1. Juoppohullun päiväkirja (Gloriously Wasted), 2. Tolppa-apina, 3. Raskausarpia, 4. Vaippaihottuma, 5. Dokumentti (pubblicato recentemente nel 2014).
In quanto parte della collezione scandinava disponibile dal 23 Novembre, incontrate Juha Berg nell'adattamento di Maijala, Gloroiously Wasted e provate a trovare le differenze della maniera finlandese, dando un'occhiata al trailer di Una notte da leoni (2009) qui:

Gloriously Wasted - Trailer:

martedì 3 novembre 2015, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube