20 commedie francesi classiche

Il 1° settembre sono uscite on-demand nove delle più recenti e migliori Commedie francesi. Per l’occasione Walk this Way ha preparato una selezione delle 20 migliori commedie francesi degli ultimi cinquant’anni:

In famiglia si spara (1963) di Georges Lautner

top-wtw-tontons-flingueurs
Interpretato da Lino Ventura e Bernard Blier, In famiglia si spara è un classico, che riprende con scherno ed eccessi la trama del film gangster, pieno di battute cult scritte da Michel Audiard.

I gendarmi di Saint-Tropez (1964) di Jean Girault

wtw-top-Le-Gendarme-de-Saint-Tropez-
Prima che Saint Tropez diventasse un luogo di villeggiatura del jet-set, la cittadina mediterranea è stata la protagonista di molti film di successo della serie “Gendarmi“, il cui ruolo principale è interpretato dal comico Louis de Funès.

Tre uomini in fuga (1966) di Gérard Oury

wtw-top-La-Grande-Vadrouille
In Tre uomini in fuga- essendo stato a lungo il film con il maggior numero d’incassi in Francia con 17 milioni di biglietti venduti – nel 1942 due civili francesi (Bourvil e Louis de Funès) aiutano dei militari inglesi e diventano, loro malgrado, membri della resistenza.

Alto, biondo e con una scarpa nera (1972) di Yves Robert

wtw-top-le-grand-blond-avec-une-chaussure-noire
L’alto, biondo e con una scarpa nera è François Perrin (Pierre Richard), un violinista lunatico e sognatore che interpreta, a sue spese, il ruolo di una formidabile spia internazionale.

Les bronzés e Les bronzés font du ski (1979) di Patrice Leconte

wtw-top-Les-bronzés-font-du-ski
Un bel gruppo di amici va in vacanza al mare e poi in montagna. Queste premesse danno origine a due film classici ed esilaranti grazie alla perfetta interpretazione di Christian Clavier, Marie-Anne Chazel e Thierry Lhermitte, tra gli altri.

Babbo Natale è un trash (1982) di Jean-Marie Poiré

le-père-noël-est-une-ordure-wtw-top
Gli attori di Bronzés si ritrovano in questa commedia sul servizio permanente SOS amicizia dovendo far fronte, la sera di Natale, alle continue chiamate e agli arrivi di molti emarginati.

La vita è un lungo fiume tranquillo (1988) di Etienne Chatiliez

vie-est-un-long-fleuve-tranquille-wtw-top
Le famiglie Le Quesnoy (la cui madre è interpretata da Hélène Vincent, una delle zie di Attila Marcel) e Groseille sono divise da tutto, socialmente ed economicamente. Le loro strade s’incontrano quando scoprono che uno dei loro figli è stato scambiato alla nascita…

I visitatori (1993) de Jean-Marie Poiré

top-wtw-visiteurs

I visitatori sono il conte di Montmirail (Jean Reno) e il suo fedele scudiero (Christian Clavier), arrivati dal Medio Evo al 1992, dopo aver bevuto una pozione magica. 16 milioni di biglietti staccati al botteghino del primo film di questa saga, il cui prossimo capitolo uscirà nel febbraio 2016.

La cité de la Peur (1994) di Alain Berbérian

la-cité-de-la-peur-wtw-top
Il trio comico (Dominique Farrugia, Alain ChabatLes Gamins e Chantal Lauby La cage dorée) è al centro di questa commedia che si svolge nel pieno del festival di Cannes, in cui una serie di omicidi di proiezionisti scompiglierà la proiezione di Red is Dead.

Aria di famiglia (1996) di Cédric Klapisch

le-gout-des-autres-top-wtw
In Aria di famiglia, Cédric Klapisch (L’appartamento spagnolo) seziona le relazioni familiari con umorismo e ardore, unendo nel cast Agnès Jaoui (Du vent dans des mollets), Jean-Pierre Bacri, Catherine Frot e Jean-Pierre Darroussin.

La cena dei cretini (1998) di Francis Veber

wtw-top-le-diner-de-cons-wtw-top
Ogni settimana, un gruppo di amici organizza una cena dove ognuno deve portare un cretino. Stasera Brochant (Thierry Lhermitte) ha vinto il primo premio con François Pignon (Jacques Villeret), appassionato di modellini fatti con i fiammiferi… e maestro nell’arte di scatenare catastrofi.

Il gusto degli altri (2000) di Agnès Jaoui

gout-des-autres-wtw-top
Agnès Jaoui
(Du vent dans des mollets) si sposta dietro le telecamere in questo film sociale, dove un ricco imprenditore (Jean-Pierre Bacri) di vedute ristrette s’innamora di un’attrice (Anne Alvaro) che si scoprirà essere la sua professoressa d’inglese.

La Tour Montparnasse infernale (2000) di Charles Nemes

la-tour-montparnasse-infernale-wtw-top
Due lavavetri, interpretati dal duo Eric e Ramzy (Les Kaïra), lavorano su una delle torri più alte di Parigi e si trovano di fronte a un commando militare… rischiando di mandare a monte i suoi piani.

Asterix e Obelix: missione Cleopatra (2002) di Alain Chabat

Astérix-et-Obélix---mission-Cléopâtre-wtw-top
Questo adattamento di uno dei classici del fumetto franco-belga da parte di Alain Chabat (Les Gamins) vanta un cast impressionante: Jamel Debbouze, Monica Bellucci, Gérard Depardieu, Chantal Lauby, Jean-Pierre Bacri e Christian Clavier.

OSS 117 (Il Cairo nido di spie e Rio non risponde più) (2005)

oss-117-wtw-top
Michel Hazanavicus
(The Artist) dirige due adattamenti della serie di romanzi di spionaggio OSS 117: negli anni ’50, l’agente Hubert Bonisseur de la Bath, detto OSS 117 (Jean-Dujardin), viene mandato dal presidente René Coty a sventare i piani malvagi delle nazioni straniere – nel cast anche Bérénice Béjo (Il paradiso degli orchi).

Giù al Nord (2008) di Dany Boon

top-wtw-Bienvenue-chez-les-Ch’tis
Più di 20 milioni di spettatori per questo film scritto, realizzato e interpretato da Dany Boon, che verte sulle particolarità e i cliché regionali. Il successo del comico nordista non si smentisce mai, come testimonia il successo di Niente da dichiarare e Supercondriaco.

Quasi amici (2011) di Eric Toledano e Olivier Nakache

intouchables-wtw-top
Successo fenomenale con più di 19 milioni di spettatori, Quasi amici si basa su una coppia improbabile nata quando Philippe (François Cluzet), ricco aristocratico disabile, assume Driss (Omar Sy), ragazzo di periferia ed ex galeotto. Con Audrey Fleurot (Pop Redemption).

9 mois ferme (2012) di Albert Dupontel

9-mois-ferme-wtw-top

In 9 mois ferme, il regista, sceneggiatore e interprete Albert Dupontel narra la storia di Bob, un criminale che ha messo incinta Ariane, il suo giudice (Sandrine Kiberlain - Les Gamins), durante una serata a base di alcol.

Non sposate le mie figlie! (2014) di Philippe de Chauveron

Qu’est-ce-qu’on-a-fait-au-bon-dieu-wtw-top
Il più grande successo francese a livello nazionale e internazionale del 2014, questo film segue le vicende di Claude e Marie Verneuil (Chantal Lauby - La cage dorée), coppia borghese della vecchia Francia cattolica, e delle loro quattro figlie. La loro pazienza è messa a dura prova, perché hanno sposato un musulmano, un ebreo, un cinese e la minore è innamorata di un cattolico… nero.

La famiglia Bélier (2014) di Eric Lartigau

la-famille-bélier-wtw-top
Tutti i membri della famiglia Bélier sono sordi, eccetto Paula. Quando si scopre il suo dono per il canto, deve scegliere se continuare ad aiutare i suoi genitori nella fattoria oppure prepararsi per un concorso di canto e forse partire pe Parigi. Louane Emera, (Paula), una delle star di The Voice, recita accanto a François Damiens (Les Kaïra), che interpreta il ruolo del padre.

lunedì 16 novembre 2015, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube