Otto film horror europei che vi faranno tremare

Rat King di Petri Kotwica, 2012

In Rat King, disponibile on demand dal 4 aprile (collezione Men on the Edge), Petri Kotwica ci presenta un thriller che alterna abilmente virtuale e realtà. Il film ha come protagonista Juri, un ragazzo dipendente dai giochi online. Dopo aver stretto amicizia con Niki, conosciuto su internet, nota che questi ha uno strano tatuaggio sul braccio e quando lo digita sul motore di ricerca si imbatte in un gioco sinistro…che subito lo cattura.     

Berberian Sound Studio di Peter Strickland, 2012

Berberian Sound è uno degli studi di post-produzione italiani più tetri, specializzato nella produzione di colonne sonore per i film dell’orrore più violenti. Hilderoy, un ingegnere del suono britannico, viene ingaggiato da un maestro del cinema horror, ma si ritroverà in un universo ostile. Gilderoy è risucchiato in una spirale misteriosa di caos acustico e personale. Il secondo lungometraggio del direttore cinematografico britannico uscirà in VOD l’4 ottobre (collezione Films Premium).

Morse di Tomas Alfredson, 2008

Tratto dal best seller di John Ajvide Lindqvist, Morse racconta una storia d’amore romantica e crepuscolare tra un ragazzo affascinato dalle storie macabre e una donna vampiro dolce ma assetata di sangue. Metafora sociale, racconto mistico e puro divertimento del cinema horror sono al centro di questo film che ha riscosso grande successo nelle sale.   

Gone di Mattias Olsson e Henrik JP Åkesson, 2011

Sullo stesso genere è Gone, film che sarà visibile in Men on the Edge dal 4 aprile. Questo mette in scena la storia di una ragazza (Sofia Ledarp) che decide di mollare tutto per andare a vivere nel nord della Svezia. All’improvviso viene rapita e il suo viaggio si trasforma in un incubo: un uomo la rinchiude in una cella nel mezzo del bosco. La ragazza potrà contare solo su stessa per uscire da questa situazione…

Goodnight Mommy di Severin Fiala e Veronika Franz, 2015

In piena estate, in una casa di campagna, due giovani gemelli aspettano il ritorno della madre. Quando questa arriva a casa, il volto coperto da bende in seguito a un’operazione, i bambini non sono convinti che sia davvero lei… Goodnight Mommy ha pietrificato per primo il pubblico della Mostra del Cinema di Venezia, poi i partecipanti di altri festival in tutto il mondo. 

The Horde di Yannick Dahan e Benjamin Rocher, 2009

The Horde, scoperto in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia del 2009, vede schierati dei gangster e i loro nemici della polizia contro un gruppo di zombie assetati di sangue in un sordido sobborgo parigino. 

Citadel di Ciaran Foy, 2013

Tommy, padre di famiglia diventato agorafobico in seguito all’uccisione della moglie, si allea con un sacerdote per salvare la figlia dalle fauci di una banda di adolescenti violenti del quartiere. Per liberarsi dalle sue paure, Tommy deve affrontare i suoi demoni e tornare nel posto che gli incute più terrore. Il direttore cinematografico in questo suo primo lungometraggio, già disponibile on demand qui, si attiene ai canoni del genere horror.

REC di Jaume Balagueró e Paco Plaza, 2007-2014

Già dei classici dell’industria cinematografica spagnola, questi film sono ambientati in uno stabile che è stato misteriosamente contaminato…sconsigliato ai fifoni!

venerdì 1 aprile 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube