Dal cinema indipendente sei supereroi europei di tutto rispetto

Il 2015 è stato un anno incredibile per i film indipendenti europei sui supereroi, che, pur rimanendo perfettamente fedeli al genere, offrono una valida alternativa ai blockbuster a cui siamo abituati. Abbiamo selezionato per voi alcuni tra i migliori di questi film: 

Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores (2014, Italia)

Vincitore dello Young Audience Award della European Film Academy nel 2015 e diretto dal premio Oscar Gabriele Salvatores (Mediterraneo), Il ragazzo invisibile è tra i migliori film sui supereroi uscito in Europa nello scorso anno. Il film racconta la storia di Michele, un tredicenne timido e piuttosto emarginato tra i suoi coetanei a scuola, che, durante una festa mascherata per Halloween, scopre improvvisamente di avere il dono dell'invisibilità. Commedia con una trama intelligente, Il Ragazzo invisibile è un grande film sui supereroi e sull'adolescenza, che affronta i temi dell'amicizia e dell'empatia. Degni di nota anche gli effetti speciali e la fotografia. La pellicola sarà disponibile dall’11 aprile in video-on-demand. Per saperne di più, clicca qui.

The Portuguese Falcon di João Leitão (2015, Portogallo)

The Portuguese Falcon è la storia di un militare fascista che si trasforma in supereroe per difendere il regime dittatoriale contro i dissidenti. Sconvolgendo palesemente i fatti storici e invertendo i ruoli classici dei buoni e dei cattivi, la trama e i dialoghi esilaranti del film trascinano gli spettatori, tra una risata e l'altra, a riflettere sulla storia portoghese contemporanea.

Vincent di Thomas Salvador (2014, Francia)

Il "primo film francese sui supereroi", come viene autodefinito nella presentazione, Vincent è una produzione consapevole dei limiti del cinema indipendente e fa del suo meglio per restare il più possibile fedele al genere dei supereroi. Splendide riprese della Francia rurale fanno da sfondo al film, che racconta la storia di Vincent, un uomo tranquillo, solitario, prevedibile e persino noioso, tranne che per un dettaglio: il contatto con l'acqua decuplica la sua forza e la sua velocità, dotandolo di poteri sovrumani. Un film da non perdere per gli appassionati del genere, in cerca di nuovi contenuti narrativi.

Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti (2015, Italy)

Altro film di produzione italiana, Lo chiamavano Jeeg Robot è stato lanciato nel 2015 ed è la testimonianza che l'interesse del cinema italiano per il genere supereroi è in crescita. La trama del film si sviluppa attorno a un personaggio perdente, un piccolo criminale che scopre improvvisamente i suoi poteri e, grazie all'aiuto di Alessia, convinta che sia l'eroe di un famoso manga giapponese, impara a usarli a fin di bene. "Non c'è un solo personaggio, in questo film, che il pubblico non amerà. Ognuno ha le sue precise caratteristiche, ma tutti risultano sia crudeli che fragili allo stesso tempo", dice Vittoria Scarpa per Cineuropa.

SuperBob di Jon Drever (2015, Regno Unito)

Produzione britannica a basso costo, questa pellicola punta molto di più sulla commedia che sull'azione, com'era ragionevole prevedere per il primo supereroe britannico. Robert Kenner, supereroe, si gode il suo giorno libero dalla lotta contro i malvagi, ma le circostanze sembrano cospirare per impedirgli di godersi il meritato riposo. SuperBob è un po' commedia romantica e un po' film di supereroi ed è una novità sicuramente rappresentativa delle nuove tendenze del genere supereroistico.

Antboy 1, 2 e 3 di Chiedi Hasselbalch (2013, 2015, 2016, Danimarca)

Rivolto al pubblico più giovane, Antboy è un film di puro divertimento per i bambini e racconta la storia del dodicenne Pelle, che sviluppa superpoteri dopo essere stato morso da una formica. Aiutato dall'amico Wilhelm, un fanatico dei fumetti, Pelle si costruisce un'identità segreta da supereroe, facendosi chiamare Antboy. Quando entra in scena il super cattivo (La Pulce), Antboy è costretto a raccogliere la sfida. Il film non offre colpi di scena mozzafiato o una trama particolarmente complessa, ma, visto il target di riferimento, funziona in modo eccellente. 

venerdì 8 aprile 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube