Film europei sulla musica: i migliori 7 di Walk this Way

La musica è una parte essenziale nel cinema, e la sua magia è pienamente esaltata quando il film è sulla musica. Di seguito i sei migliori film che raccontano le storie di musicisti formidabili, selezionati da Walk this Way:  

Il tempo passa anche a Shanghai (documentario) di Uli Gaulke

Diretto da Uli Gaulke, (autore di Havanna Mi Amor, premiato e selezionato dal Festival Cinéma du Réel, Munich Film Festival e Sundance), il documentario racconta la storia della “banda jazz più vecchia del mondo” - Peace Old Jazz. Seguendo il viaggio della banda dal North Sea Jazz Festival verso Rotterdam, il film ritrae il potere della dedizione per la musica, nonostante l’oppressione subita dall’arte durante la Rivoluzione Culturale in Cina. Ricca di divertenti fraintendimenti culturali, questa è una fantastica storia di successo. Il tempo passa anche a Shanghai sarà disponibile in VOD dal 2 maggio, tramite la raccolta Docs from around the world.  

Mama Africa (documentario) di Mika Kaurismäki

Mama Africa è un documentario sulla vita di Miriam Makeba, la prima musicista africana ad aver raggiunto una fama internazionale come superstar e ad aver portato la musica sudafricana in tutto il mondo. A causa della sua musica anti-apartheid, Miriam fu mandata in esilio e qui iniziò la sua strada verso il successo internazionale: suonò per John F. Kennedy, Marlon Brando, si esibì con Harry Belafonte e Nina Simone. Prima di chiunque altro, ella diventò simbolo di verità e giustizia per tutte le persone discriminate. L’anno passato Mama Africa è uscito in VOD su Walk This Way…ed è ancora disponibile!

Buena Vista Social Club (documentario) di Wim Wenders

Come Il tempo passa anche a Shanghai, Buena Vista Social Club parla di musicisti cubani invecchiati e il cui talento è caduto nell’oblio in seguito alla presa di potere di Castro a Cuba. Ma ora vengono tirati fuori dal letargo da Ry Cooder, che viaggia a la Havana per riunirli tutti. Esibizioni trionfanti e una musica straordinaria fanno risorgere le carriere di questi musicisti: un’esperienza musicale e filmica da non perdere.

Pop Redemption (commedia) di Martin Le Gall

Un gruppo di black metal si sta sfaldando dopo 15 anni dalla sua nascita. Sulla strada per il loro ultimo concerto a Hellfest, un festival musicale francese, una morte accidentale innesca una serie di sventure. Un mix di elementi, dal film sulla crisi dei trent’anni, al road-movie, al film sull’amicizia, Pop Redemption è una commedia francese imperdibile per i fan del metal.     

Eden (drammatico) di Mia Hansen-Løve

Eden è un film drammatico il cui protagonista è Paul, un DJ francese a cui è stata attribuita l’invenzione della “French house”, un tipo di musica elettronica francese diffusasi negli anni ’90. Percorrendo vent’anni della vita del DJ parigino e del mondo della musica elettronica, Eden è un film profondo, nostalgico ed elegante. 

Amy (documentario) di Asif Kapadia

Asif Kapadia mostra magistralmente la vita di Amy Winehouse utilizzando le sue stesse parole. Filmati provenienti da archivi e tracce inedite svelano la persona che si nasconde dietro la star. Il vincitore dell’oscar per il miglior documentario rende omaggio a una grande artista, che, nonostante abbia pubblicato solo due album, si è affermata come uno dei migliori artisti jazz di tutti i tempi.

La Vie en Rose (drammatico) di Olivier Dahan

Vincitore di due Oscar, La Vie en Rose è la storia della vita della cantante francese Édith Piaf. Dall’infanzia alla gloria, dal trionfo alla disperazione, da Belleville a New York, con una performance straordinaria di Marion Cotillard, il film racconta l’incredibile vita de “La Môme Piaf”.

sabato 30 aprile 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube