Cinque film europei che parlano della perdita di memoria e della forza della famiglia e dell'amore

Una lista di film europei che affrontano con delicatezza il modo in cui la perdita di memoria cambia drasticamente la vita delle persone:

Non ti scordar di me di David Sieveking (documentario, 2012, Germania)

Forget me notparla della madre del regista che, come altri due milioni di persone in Germania, soffre di Alzheimer. I genitori di David Sieveking facevano parte del movimento studentesco degli anni '60 e avevano una relazione aperta, messa drammaticamente alla prova dalla malattia di lei, con tutta la famiglia che si è trovata a dover affrontare dei conflitti inaspettati. Realizzato con ironia e con stupefacente naturalezza, Non ti scordar di me, attraverso l'utilizzo di video di famiglia personali, guarda con occhio umano alla malattia dell'Alzheimer e a come questa sconvolga le famiglie. Il film ha vinto il premio della critica al Festival di Locarno nel 2012 e sarà distribuito come VoD (Video on Demand) il 2 Maggio, come parte della collezione Documentari dal mondo.

Head Full of Honey di Til Schweiger (2014, Germania)

Vincitore del premio del pubblico ai Germany Film Awards del 2015, film campione d'incassi nello stesso anno, Head Full of Honey è una storia intima piena di amore e affetto, con un occhio al rapporto speciale tra la piccola Tilda, bambina di undici anni, e suo nonno Amandus, che sta lentamente perdendo la memoria. Quando il figlio di Amandus non riesce più a sopportare le difficoltà legate alla malattia del padre, ed è intenzionato a mandarlo in una casa di riposo, Tilda cerca di impedirlo in tutti i modi. 

Una sconfinata giovinezza di Pupi Avati (2010, Italia)

Una sconfinata giovinezza è la storia di una coppia e della forza del loro amore. Il film segue le vicende di Lino e Chicca. Lino soffre di seri problemi di memoria che, lentamente ma inesorabilmente, peggiorano e iniziano a modificare la loro routine quotidiana. All'inizio la coppia decide di riderci sopra, ma il problema diventa sempre più serio fino a quando ricevono la diagnosi – una malattia degenerativa del cervello che lo sta danneggiando irreparabilmente. Il film vince il Nastro d'Argento assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani nel 2011. 

Flore di Jean-Albert Lièvre (documentario, 2014, Francia)

Flore è un documentario personale di Jean-Albert Lièvre, che ha affrontato la malattia dell'Alzheimer che ha colpito sua madre. Vedendo che le sue condizioni stavano peggiorando costantemente, Lièvre porta sua madre in una casa in Corsica: questo costituisce un punto di svolta per entrambi. Il film inizia con un'inquadratura fatta dalla fotocamera di un cellulare mentre sta riprendendo gli effetti negativi delle droghe per poi diventare un documentario commovente sulla forza della natura e il ritorno alla vita.

Iris – Un amore vero di Richard Eyre (2001, Regno Unito, Stati Uniti)

Vincitore di un Premio Oscar per il Migliore attore non protagonista (Jim Broadbent) e di un BAFTA per la Miglior attrice non protagonista (Judi Dench), Iris – Un amore vero racconta meravigliosamente la storia d'amore durata una vita tra la scrittrice Iris Murdoch e suo marito, John Bayley, da quando erano studenti fino alla lotta di Iris con l'Alzheimer. Il cast è composto da star famose in tutto il mondo come Judi Dench, Kate Winslet, Jim Broadbent e Hugh Bonneville. 

sabato 30 aprile 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube