9 film con Daniel Auteuil da scoprire… o riscoprire

Attore popolare dall’impressionante filmografia, con ben 87 commedie all’attivo, Daniel Auteuil, 66 anni, è sicuramente uno dei grandi del cinema francese. Dal 5 settembre lo ritroveremo nella commedia Tra Amici disponibile in versione VOD. Ripercorriamo insieme le pellicole che hanno segnato la carriera di questo attore camaleontico.

Jean de Florette et Manon delle sorgenti di Claude Berri (Francia, Italia, Svizzera, 1986)

Daniel Auteuil, Gérard Depardieu, Yves Montand e Emmanuelle Béard recitano nell’adattamento cinematografico del dittico dello scrittore Marcel Pagnol. Ugolin et lo zio Papet, due contadini provenzali dell’inizio del XX secolo, bramano le terre di un loro vicino perché in possesso di una rara risorsa: una sorgente d’acqua. Per il suo ruolo nei panni del rozzo Ugolin, Auteil ha riportato un César e un BAFTA per l’interpretazione.

La Regina Margot di Patrice Chéreau (Francia, Germania, Italia, 1994)

Basato sul romanzo eponimo di Alexandre Dumas, La regina Margot racconta il matrimonio politico di due figure storiche del tutto opposte: la cattolica Margherita di Valois (Isabelle Adjani) e il protestante Enrico di Borbone e futuro re di Francia Enrico IV (Daniel Auteuil), all’alba del massacro di San Bartolomeo.  Questo dramma storico è stato ampiamente riconosciuto con due premi a Cannes nel 1994 e cinque César nel 1995.

L’ottavo giorno di Jaco van Dormael (Belgio, Francia, Regno Unito, 1996)

Qui Auteil interpreta Harry, un uomo che ha consacrato la sua vita al lavoro, finché non incontra George, un ragazzo down che vive alla giornata, e tra i due nasce una grande amicizia. Gli attori principali di questa commedia drammatica, Daniel Auteuil et Pascal Duquenne, hanno portato a casa il premio per la migliore interpretazione al Festival di Cannes, nel 1996.

La Ragazza sul Ponte di Patrice Leconte (Francia, 1999)

"Ha l’aria di un ache sta per fare una cavolata", dichiara Gabor avvicinandosi ad Adèle mentre questa sta per buttarsi da un ponte. Gabor è un lanciatore di coltelli e ha bisogno di un’assistente “bersaglio”... Grazie al ruolo di Gabor e alla collaborazione di Vanessa Paradis, Daniel Auteuil riporta il secondo César della sua carriera come Miglior attore.

L’Avversario di Nicole Garcia (Francia, Svizzera, spagna, 2001)

Basato sul romanzo – a sua volta ispirato a un fatto di cronaca – di Emmanuel Carrière, Auteuil interpreta Jean-Claude Roman, che nel gennaio del 1993 sterminò la sua famiglia, prima di tentare invano di suicidarsi. Le indagini hanno rivelato che l’uomo fingeva di essere medico da 18 anni e, sul punto di essere scoperto, decise di eliminare le persone di cui non avrebbe sopportato lo sguardo.

36 di Olivier Marchal (Francia, 2004)

Daniel Auteuil e Gérard Depardieu si ritrovano in questo poliziesco basato su una storia vera. I due attori vestono qui i panni di due vecchi amici, ma poliziotti concorrenti che, per ottenere un’importante promozione, fanno del tutto per sgominare una banda di pericolosi rapinatori...

Tra amici di Olivier Baroux (Francia, 2015)

Richard, Gilles e Philippe sono amici da decenni. Durante un’estate decidono di partire in crociera con le loro compagne. Ma la convivenza non è sempre facile: tra risate e confessioni, tornano a galla dolori e gelosie, e una tempesta sta per arrivare. Riuscirà a resistere la loro amicizia? Grandi nomi del cinema francese si ritrovano in questa commedia, stretti nello spazio chiuso della crociera: al fianco di Daniel Auteuil, troviamo Gérard Jugnot (I ragazzi del coro), François Berléand, Zabou Breitman Mélanie Doutey e Isabelle Gélinas. Il film uscirà in VOD il 5 settembre 2016 nella raccolta Commedie francesi di Walk this Way.

In nome di mia figlia di Vincent Garenq (Francia, Germania, 2016)

Il film, anche in questo caso ispirato a un fatto di cronaca, porta sullo schermo la battaglia di André Bamberski, la cui figlia quattordicenne morì  durante una vacanza in Germania con la madre e il patrigno, nel 1982. Il protagonista, convinto della colpevolezza del compagno dell’ex moglie, si lancia in una ricerca che dura 30 anni, allo scopo di far giudicare in Francia il presunto assassino residente in Germania.

venerdì 2 settembre 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube