La Voce Taciuta: sentimenti e sofferenze di due partigiane sotto la dittatura spagnola

La Spagna sotto la dittatura e la repressione franchista sono al centro del dramma storico La voce taciuta (La voz dormidadi Benito Zambrano. Il film, adattamento dell’omonimo romanzo di Dulce Chacón, che aveva basato le sue ricerche su testimonianze orali, uscirà in video on demand il prossimo 17 ottobre, all’interno della nuova raccolta This is War di Walk this Way.

La voce taciuta racconta la storia di due sorelle vissute nel 1940, quando la dittatura di Franco, nel pieno dei suoi poteri, iniziava a spedire in prigione i suoi oppositori passati e presenti e che, in molti casi, era preludio a un processo sommario, senza testimoni né difesa, cui seguiva il plotone d’esecuzione.

Hortensia (Inma Cuesta, recentemente apprezzata in Julieta di Pedro Almodovar o Blancanieves di Pablo Berger), bellissima mora andalusa, è una vigorosa oppositrice del regime che si ritrova chiusa in una prigione femminile, in attesa del processo. In grembo porta un bambino, figlio di un marito nascosto sulle montagne, ma non per questo riceve alcun trattamento di favore. La sorella minore Pepita (María León, comparsa in Carmina y améne Cuerpo de élite) va dunque a trovarla a Madrid per starle vicino. Ben presto la timorosa e ingenua Pepita viene reclutata in una pericolosa missione con l’obiettivo di aiutare Hortensia e la resistenza.

La storia de La voce taciuta è talmente emozionante e le interpretazioni (in particolare quella di María León, che ha conquistato il Premio come migliore attrice al San Sebastian e ai Goya 2012) si muovono con tale grazia tra il dramma e la commedia, che non si può non essere coinvolti dal destino di questi personaggi, un destino decisamente fatale...

“Credo che la nostra guerra civile e le sue brutali conseguenze siano un tema sempre pertinente con il presente. Fare luce sull’atroce repressione perpetuata dai vincitori è un modo per rendere giustizia alle vittime. Leggendo il romanzo di Chacón, vi ho visto una storia straordinaria. Una storia incredibile piena di verità e di sentimenti. Straripante di compassione e di sofferenza. Di odio e di amore”, conclude il regista.

Fonte: Cineuropa

La voce taciuta – pubblicità:

venerdì 14 ottobre 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube