Cinque film sui crimini di guerra da vedere assolutamente

Chiudere gli occhi non cancellerà i crimini commessi. Ascoltare e vedere le storie delle molte vittime e dei loro antenati è invece necessario. Ecco una lista di film sui crimini di guerra che Walk This Way considera essenziale vedere 

Tempo di confessioni di Régis Wargnier (2014, Francia, Belgio, Cambogia)

wtw-le-temps-des-aveux

Disponibile dal 17 ottobre nella raccoltaThis is War

Diretto dal premio OscarRégis Wargnier (Indocina), il film è basato su una storia vera e affonda lo sguardo nel genocidio perpetrato dai Khmer Rossi in Cambogia. Un’analisi approfondita di questo periodo buio della storia cambogiana, attraverso gli occhi di un etnologo francese (interpretato da Raphaël Personnaz), che incontra un ex ufficiale khmer rosso, dopo che questi è stato arrestato per crimini contro l’umanità. 

Il figlio di Saul di László Nemes (2015, Ungheria)

wtw-le-fils-de-saul

Il film segue due giorni della vita di un prigioniero ungherese, costretto a lavorare nel Sonderkommando di un crematorio di Auschwitz. Quando vede il cadavere di un ragazzo che crede essere suo figlio, è disposto a fare l’impossibile per trovare un rabbino e seppellire il corpo. Vincitore del Premio Oscar come miglior film straniero, Son of Saul è un film unico nel suo genere per più di un motivo: dalla trama che assume una prospettiva completamente diversa su un soggetto apparentemente abusato come l’Olocausto, a un’avvincente fotografia quasi interamente basata su primi piani. 

Il mio amico tedesco di Jeanine Meerapfel (2012, Germania, Argentina)

wtw-my-german-friend-2

Disponibile dal 17 ottobre nella raccolta This is War

Il film segue i passi di Sulamit, figlia di rifugiati ebrei tedeschi in Argentina e amica intima di Friedrich, figlio di immigrati tedeschi nazisti. I due vivono i periodi di instabilità dell’Argentina e quando rientrano in Germania partecipano alle lotte politiche del ’68. Friedrich, che ha sempre rigettato il passato nazista di suo padre, decide di tornare in Argentina per combattere contro la dittatura militare. Il film è una riflessione sulla scena politica degli anni Sessanta, cui si intreccia una romantica storia d’amore tra due persone che non hanno paura di lottare in nome dei loro valori.

Hotel Rwanda di Terry George (2004, Regno Unito, Sud Africa, Italia)

wtw-hotel-rwanda

Basato su una storia vera, Hotel Rwanda ha avuto tre nomination agli Oscar e, con varie altre nomination e premi, è stato uno dei film maggiormente acclamati dalla critica, per il suo racconto di ingiustizia e sofferenza umane. Il film segue la storia di Paul Rusesabagina, il direttore di uno dei più lussuosi hotel della capitale del Ruanda, in cui centinaia di rifugiati Tutsi trovarono riparo dall'aggressione delle milizie Hutu. 

As If I Am Not There di Juanita Wilson (2010, Irlanda)

wtw-as-if-i-am-not-there

Il film è basato sul romanzo di Slavenka Drakulić del 1999, che narra delle violenze durante la guerra in Bosnia negli anni Novanta. La storia gira intorno a Samira (Natasa Petrovic), un’insegnante diventata vittima di ripetuti abusi sessuali durante la pulizia etnica che insanguinò il paese. Un dramma toccante e con alcune scene difficili da sostenere, rappresenta un’importante testimonianza della sofferenza delle donne e della lotta per ottenere giustizia. Il film è stato premiato in molti festival, tra cui Palm Springs, Istanbul, Phoenix e Seattle, e ha riportato i premi principali (quello per la migliore regia e quello per il miglior film) all’ Irish Film and Television Awards.

venerdì 14 ottobre 2016, di Cineuropa

facebook

twitter

youtube